il popolodelblues

Recensioni

Francesco Giunta – Troppu Very Well

15 febbraio 2020 by pdb in Dischi, Recensioni

(Musica del Sud/Il cantautore necessario)
www.cartadamusica.it
www.musicadelsud.it

Francesco Giunta dopo cinque dischi solisti e svariate partecipazioni, torna con un live. Registrato al Teatro Jolly di Palermo, contiene ventuno tracce, intervallate da alcuni spassosi e interessanti prologhi parlati, che aiutano a capire meglio i brani. Un live dal suono asciutto, alla maniera dei vecchi cantastorie, accompagnato dalla sola chitarra di Giuseppe Greco. Infatti Giunta è un narratore affascinante, un ottimo intrattenitore, con la sua voce racconta la Sicilia e in particolare Palermo con grande maestria. Nonostante il dialetto stretto dei brani, il live si gusta con piacere, anche perché non risulta affatto pesante all’ascolto, anzi mantiene sempre una freschezza e una vitalità. Le canzoni risultano divise in quattro sezioni principali: Il dialetto e la città di Palermo (tra cui “ Bagni Italia”, “Vucciria” “Lu turista innamuratu”), “Strani personaggi” ( una carellata che parte da “Tanuzzu omo di paci” passando per “Carmelina ca cari d’i tacchi e “U bagninu”), Situazioni paradossali (“A firmata i l’otobus”, “Mi mettu ccà”) e “Canzoni a effetto” ( la title track “ Troppu very well”, “Cola scaliava la calia” e la spassosa “Buchi buchi”). Edoardo De Angelis ha prodotto artisticamente il disco, Marco De Angelis ha realizzato la copertina e le illustrazioni interne del libretto ( ben curato), Roberto Sottile ha scritto la nota introduttiva. Un disco che ci sembra un ottimo biglietto da visita per chi vuole conoscere o approfondire un personaggio carismatico ed eclettico come Giunta.

Marco Sonaglia

 

Tracce

U cappiduzzu

Bagni Italia

Ho avuto un nonno straordinario

E tempi ch’e tazzi

Lu turista nnammuratu

Vucciria

Tanuzzu omo di paci

I modi di dire sono cinici…

Totò lu pomperi

Carmelina ca caro d’i tacchi

Assurdità dei modi di dire…

U bagninu

C’era una filastrocca

A firmata i l’otobus

Che bella la spiaggia

Mi mettu ccà

Troppu very well

Chi sugnu stancu

Cola scaliava la calia

Grazie!

Buchi buchi

 

Tagged ,

Related Posts