il popolodelblues

Recensioni

Massimo Bubola, Parco della Repubblica, Sirolo, 9 agosto 2021

10 agosto 2021 by pdb in Concerti, Recensioni

Foto (c) Claudio Santi

Come ogni anno a Sirolo torna il prestigioso premio dedicato a Franco Enriquez e come tradizione tra gli ospiti non può mancare uno dei più grandi cantautori italiani: Massimo Bubola. L’artista è molto apprezzato nelle Marche e dopo quattro anni di assenza è tornato accompagnato dalla  Eccher band formata da Lucia Miller (voce e cori), Enrico Mantovani (chitarre e mandolino), Alessandro Formenti (basso) e Thomas Sinigaglia (fisarmonica). Il concerto di Bubola è il consueto viaggio nella sua quarantennale carriera,  attraverso canzoni che hanno scritto una buona parte della musica d’autore italiana. Ascoltare Bubola è una lezione di storia, di letteratura, di poesia, di cultura.

Il cantautore scherza con il pubblico, spara delle belle frecciate contro certa musica di consumo, racconta aneddoti e ama introdurre le canzoni con la consueta ricercatezza. Intanto in scaletta scorrono brani fondamentali della sua carriera solista come ” Dostoevskij”, “Dino Campana”, il dittico garibaldino con ” Camice rosse” e ” Uruguay”, ” Capelli rossi”   per arrivare a quel capolavoro che risponde al nome di ” Rosso su verde”, questa sera eseguita in una toccante esecuzione. “Fiume Sand Creek”, ” Rimini”, ” Canto del servo pastore”, “Andrea” , “Una storia sbagliata” ci ricordano quanto Bubola ha contribuito a rinnovare il sound e la scrittura di Fabrizio De Andrè, infatti anche gli arrangiamenti live risentono di una nuova freschezza, grazie anche agli ottimi ricami chitarristici di Mantovani mescolati con i tappeti di Sinigaglia. C’è ancora spazio per ” Il cielo d’Irlanda”, “Quello che non ho ” e ” Tre rose” la delicata ninna nanna che da sempre chiude i concerti. Nonostante una fastidiosa umidità che ha messo a dura prova i musicisti, la serata è stata magica, emozionante, come succede quando si ascolta un gigante come Bubola. Dopo tutti questi mesi chiusi in casa, c’era proprio bisogno di tornare a respirare bellezza e così è stato.

Marco Sonaglia

Scaletta 

Dostoevskij

Fiume Sand Creeck

Una storia sbagliata

Dino Campana

Camice rosse

Uruguay

Rimini

Capelli rossi

Andrea

Rosso su verde

Canto del servo pastore

Il cielo d’Irlanda

Quello che non ho

Tre rose

 

Tagged ,

Related Posts