il popolodelblues

Recensioni

Gerardo Balestrieri – Canzoni del mare salato

26 febbraio 2020 by pdb in Dischi, Recensioni

(Egea Music)
www.gerardobalestrieri.com

Gerardo Balestrieri cantautore con alle spalle una solida carriera, torna con il suo ottavo disco, un concept album dal titolo “Canzoni del mare salato”, ispirato a Corto Maltese, l’affascinante personaggio del fumetto, creato nel 1967 da Hugo Pratt. Un’operazione intrigante e rischiosa nello stesso tempo, che Balestrieri ha realizzato con un buon risultato. Un lavoro che racconta in maniera cronologica dieci anni di avventure del protagonista, cominciando proprio nel 1931, l’anno di ambientazione di “Una ballata del mare salato”. Sono tredici le tracce che delineano un lungo viaggio che parte dalla Melanesia con tappe in Sud America, Africa, Europa, medio ed estremo oriente, per arrivare all’Argentina. Balestrieri comandante della rotta, si fa accompagnare da una marea di musicisti che diventano una vera e propria orchestra del mare salato (tra cui ricordiamo Pierpaolo Capovilla voce de il teatro degli orrori, Antonio Marangolo collaboratore storico di Francesco Guccini e Daniele Di Gregorio per tanti anni a fianco di Paolo Conte) per ricreare le giuste atmosfere e dare i giusti sapori alle canzoni. Si respirano varie contaminazioni musicali: “Pandora” , che apre il disco, è una sorta di sigla che musicalmente richiama Piazzolla ( “ è una ballata del mare salato che di vento largo si poggia di lato le vele issate a due buttafuori Tridacne tentacola danze maori, è una ballata del mare salato al lasco al traverso in gran poppa o di lato guida Tarao come con Tamatea stanotte si va a Buranea”), “Samba con Tiro Fisso” ha un sapore tex-mex e un ritornello ossessivi e incisivo ( “Mille sterline mille sterline d’oro per affrontare l’infinito orizzontale abisso per mille sterline mille sterline d’oro ballare un samba con Tiro Fisso, mille sterline mille sterline d’oro per risalire il Rio di San Francisco, mille sterline mille sterline d’oro non valgono un samba con Corisco”) “La finestra d’Oriente” è un delizioso valzer ( “Tutti sogna l’Eldorado anche gli angeli alle finestra pochi sanno oltre quel guado che le sei città son sette, Melchisedech beffato sa della città mancante, come il foglio strappato da un’esperta commediante”), “Banshee” è ben sostenuta dagli archi e da un buon gioco di parole nel ritornello ( “Il vento si abbassa trapassa le ossa di quella carcassa di balena grossa, il vento si ingrossa la schiena trapassa carcassa di ossa di balena grassa”), “Cush” è densa di parole e di suoni etnici (“Distese di sale infuocato asini, sassi, nomadi e spine, oro e potassio fan gola alle armate inglesi, tedesche, turche e abissine”), “ Corte Sconta detta Arcana” ( “La sete di potere di un Dragone Nero di un sole zafferano e di una stella nana, ma c’è anche chi chiude le porte all’onta dell’Impero e ammira la sua Corte Sconta detta Arcana) e “ Favola di Venezia ( “Questa è la favola di Venezia, di un gatto che inciampa nella coda del topo, della poetessa, filosofa Hipazia disquisitrice del prima e del dopo”) ci sembrano due canzoni molto diverse tra loro, ma che rappresentano bene questo lavoro. Balestrieri ha usato una grande cura nei testi, molto abile con le rime e nel difficile compito di raccontare le storie, senza mai nominare Corto Maltese. Il suo modo di cantare è denso, scuro, teatrale, spesso usa la voce in maniera salmodiale che ricorda Giovanni Lindo Ferretti e certi arrangiamenti di alcuni brani ricordano parecchio Capossela, basta pensare a “Rasputin”, senza però oscurare la sua personalità. Un disco impegnativo, non facile al primo ascolto, ma comunque affascinante per la tematica trattata con estrema cura. Bella anche la confezione, corredata da un ricco libretto e dalla bella copertina (in stile Pratt) di Lorenzo Calza (sceneggiatore della Sergio Bonelli editore). Se vi piace viaggiare e volete scoprire nuove terre e nuovi suoni, questo è il disco adatto.

Marco Sonaglia

Tracce

Pandora

Il mondo di Mu

Appuntamento a Bahia

Samba con Tiro Fisso

La finestra d’Oriente

La filastrocca delle isole e dei pesci

Banshee

Cush

Corte Sconta detta Arcana

Rasputin

Favola di Venezia

La casa dorata di Samarcanda

Tango di Fosforito

Tagged ,

Related Posts